Sono distrutto!

Mi aspettavo una settimana impegnativa, ma non fino a questo punto…

 

Andiamo con ordine:

  • Lunedì: sveglia ore 5.30, partenza dalla ditta alle 7. Prima tappa consegna in un paesino nel cremonese, poi altra consegna vicino Pavia. A seguire ritiro a Fiorenzuola e ritorno a Brescia. E già che era presto ho avuto pure il tempo (o meglio, l’ho fatto saltar fuori) di fare ancora una consegna…
  • Martedì: partenza dalla ditta alle 8. Prima tappa relativamente vicina, a 40 km. Rientro, poi vado a fare una consegna. Da effettuarsi però in due viaggi (causa ingombro del carico). Il problema non stava nella distanza (8-10 km) e nemmeno nelle manovre di scarico, bensì nell’entrare in officina. Trattasi di un posto con un ingresso decisamente stretto, dove anche le auto fanno fatica ad entrare (quindi fate conto che, considerando il carico sporgente, ero lungo quasi 13 metri!) 😯 Morale: 20 minuti per entrare + 20 per uscire, per due viaggi = un’ora e mezza scarsa di manovre millimetriche… 😥 Sono rientrato in ditta quasi strisciando, eppure ho dovuto provvedere a caricare il camion per il giorno dopo…
  • Mercoledì: altra sveglia alle 5.30 e relativa partenza alle 7. Prima tappa in val Cavallina, in provincia di Bergamo. Consegna veloce, così rapida che ho avuto persino tempo di bermi un caffè. Poi una bella full immersion nel traffico lombardo: destinazione Lecco! E quindi vai con le code e i semafori e le rotonde… 😐 A Lecco ho fatto anche abbastanza presto, tanto che a mezzogiorno ero già in ditta. Per la gioia del mio capo che già si fregava le mani… 😕 Il pomeriggio infatti ho dovuto accontentare tre clienti che aspettavano impazienti la loro merce (signori, ho solo 2 mani, un po’ di pazienza…).
  • Giovedì: ancora partenza alle 7. Prima destinazione Fiorenzuola (stessa ditta di lunedì) a caricare un tubo lungo 11 metri. Piccolo problema: causa lavori è chiuso il ramo di Fiorenzuola, così tutti fuori a Caorso. E paese intasato… 😐 Per fortuna sono un atlante vivente, e conosco altre strade. Così sono giunto a destinazione in tempi ragionevoli. Da lì poi mi sono diretto verso Milano. Come vuole la prassi giunto alle barriere ho trovato un muro di veicoli, così sono uscito a Melegnano e mi son fatto una passeggiata nei vari paesi dell’Hinterland. Saggia scelta, in poco più di mezz’ora ero a destinazione. Caricato in tempi abbastanza rapidi, alle 14 ero in ditta a scaricare. Ma ero destinato a non provare pace: a parte un rapido viaggetto lì vicino, ho dovuto preparare il camion per un lungo viaggio. E quando sono andato a casa il magazziniere non aveva ancora finito… 😯
  • Venerdì, cioè oggi: sveglia stavolta alle 4.30 e partenza alle 6. Dopo 3 ore di guida ininterrotta arrivo in un paesino in provincia di Asti. Mezz’oretta per scaricare, e in un’ora arrivo a Torino a caricare 3 pacchetti di roba. Partire presto mi ha permesso di venir via per le 11.40, così ho potuto gestirmi la pausa e tornare in un orario accettabile. A parte il solito casotto a Milano (mi preoccuperei se passando di lì non trovo nessuno… 😦 ) alle 15 avevo già scaricato. E il capo, finalmente (sembrerebbe eh) soddisfatto mi ha lasciato andare a casa…

Signore e signori, onestamente ho perso il conto dei chilometri fatti questa settimana, ma potete immaginare le vasche che mi son fatto. Certo, c’è gente che fa migliaia di km alla settimana, ma magari prende anche il triplo dei soldi che prendo io (che, alla fine, sono solo un operaio). Diciamo comunque che sono pronto a farmi un altro mesetto di ferie, giusto per permettere al mio cervello di ricominciare a funzionare. Ho solo un problema: chi glielo dice al mio capo?!? 👿

Annunci

18 Risposte

  1. Se vuoi glielo chiedo io al tuo capo 🙂
    Se c’e’ una cosa che non mi piace e’ guidare tanto, e magari anche nel traffico… Infatti a volte giro in autobus. Per te sarebbe un po’ complicato eh? 😉
    Buona serata

  2. Non voglio fare domande cretine, di questi tempi, ma non riesci a trovare un lavoro meno massacrante?
    Notte 🙂

  3. Simo: a me piace guidare, ma troppo stanca pure me. Autobus? Se vivessi in città li userei…

    Ni*ta: La tua non è affatto una domanda cretina. Il mio lavoro va a periodi, potrebbe succedere che settimana prossima passi due o tre giorni senza niente da fare. Farebbe parte della normalità. Sappi che dov’ero prima era molto peggio: basti dirti che un giorno ho fatto 26 ore di lavoro (sì, hai letto bene: 26). Comunque, per rispondere alla tua domanda: per ora mi faccio andar bene questo lavoro. Poi si vedrà…

  4. Cavolo che ritmi.. io non riuscirei a reggere un solo giorno.. Se vuoi ci parlo io col tuo capo.. 🙂

  5. ma hai un clone che ti aiuta…? Povero!!!

  6. Esilio: Sai, ormai ci ho fatto l’abitudine…

    Coniglia: no no, faccio tutto da solo…

  7. povero piccolo…..

  8. Io mi defilo..mi sa’ che questa patata bollente te la devi prendere tu! 😉
    Ti auguro almeno un Buon Week-End!
    😉

  9. Elyale: 😉

    Angie: la patata bollente sarà l’ultima spiaggia qualora mi trovassi pronto a scoppiare. Per il momento aspetto.
    Grazie, le premesse per un buon weekend ci sono…

  10. Caspita cerca di riposare sto fine settimana!!!
    Ciau ciau
    Greta

    Ps: ho aggiornato il template, ho ricambiato il favore del link al tuo blog!!

  11. mamma mia, che settimana pesante! ti faccio i miei complimenti xchè ritmi di questo genere mica tutti li saprebbero sopportare…alzarsi tutti i giorni così presto e lavorare tutte quelle ore, correndo da una parte all’altra…ci vuole una bella costanza!

    mi raccomando, ora goditi il weekend, che te lo strameriti!

    a presto 🙂

    ps: grazie x il link, abbiamo ricambiato!

  12. Greta, che piacere rivederti!
    Seguirò senz’altro il tuo consiglio, tra qualche minuto mi butto sul letto e per almeno un paio d’ore sparisco… Grazie per il link, a presto!

    BDP: Benvenuta. Ti dirò, ci sono lavori ben più pesanti del mio. Il mio problema grosso modo è il traffico, che in Lombardia diventa ogni giorno più pesante. Dove non c’è traffico io mi diverto a guidare (anche se, diciamolo, il troppo è troppo…).
    Grazie per il tuo commento, e grazie per il link. Felice weekend, salutami Patty!

  13. uh, parli del diavolo.. ^__^!!!!capperi, sono anch’io “impressionata” dalla settimana di passione che hai passato..x me poi + che altro la parte letale sarebbero le alzatacce, non ce la farei proprio così presto!!!x cui..complimenti x la resistenza..mi associo a bdp nel raccomandarti un weekend di tutto divertimento e relax!!!!buon sabato!

  14. A quanto pare i saluti te li faccio di persona… 😉
    Sai, non è mai piacevole alzarsi troppo presto, e il mio capo a voler vedere nemmeno mi obbliga. Ma se voglio rientrare in orari decenti e fare bella figura mi tocca…
    Buon weekend anche a te!

  15. ma quello è il mio ufficio! O_o

  16. mamma mia!!! Alzarmi presto diciamo che non mi pesa … paragonato al traffico!!!!!!
    Io Odio il traffico!!!!!
    Baci Mary

  17. e qualche giorno di malattia ?!
    A volte serve anche perchè la tua attenzione è importante : sei alla guida di un mezzo. Bacione

  18. Giuy: L’hai mica scattata te questa foto? 😉

    Angioletto: Anche io!

    Elle: Sì, c’è anche la mutua. Ma non ho l’abitudine di prenderne se non sono veramente malato, non mi sembra giusto. Se poi mi ammalo invece… Beh, questa è un’altra storia… 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: