Tempo di bilanci

retta-via.jpg
Il 2007 è agli sgoccioli, quindi credo sia giunto il momento di fare un degno riassunto di questo anno che se ne sta andando.

Gli ultimi 12 mesi sono iniziati un po’ in sordina, sulla falsariga degli ultimi anni. Ho il mio lavoro, i miei amici, il mio mondo intorno a me. Cosa insolita rispetto al solito, in quei mesi ero innamorato. Per una ragazza che vive a 200 km da me, ma che nonostante ciò si faceva sentire appena possibile. Del resto, studio e lavoro non le consentivano troppo tempo libero, ma io mi accontentavo. Dentro di me sapevo che prima o poi non avremmo più avuto di questi problemi, e sapevo che sarebbe valsa la pena aspettare. Tuttavia accadde qualcosa che in cuor mio avevo preventivato: lei mi disse che non provava più niente nei miei confronti e mi chiese di prendere una strada che fosse diversa dalla sua, lasciando però una porta aperta per un futuro prossimo ancora da scrivere. Nei primi giorni non subii alcun contraccolpo, in fondo me l’aspettavo. Poi però la sua mancanza cominciò a farsi sentire sempre di più, tanto che dovevo spesso rifugiarmi in luoghi appartati per non svelare agli altri le mie lacrime. Questa ragazza mi mandò un sms a fine agosto dove mi scrisse che presto ci saremmo almeno rivisti, che aveva bisogno di qualche tempo di solitudine. Non ho più avuto sue notizie fino a Natale, quando mi ha mandato un sms di auguri con la promessa che una sera di queste ci saremmo sentiti. Ebbene, sto ancora aspettando che il telefono squilli. E, in tutta onestà, non ne sono molto convinto.

Intanto, in aprile nasceva il mio primo blog. Creato su consiglio di Cristian, mio carissimo amico da tanti anni ed autore di questo blog (vuole chiuderlo, aiutatemi a fargli cambiare idea…), il mio sito parlava solo di calcio, ma se da una parte registravo parecchie visite dall’altra non registravo alcun tipo di commento. Fino a quando, mentre ero depresso per i fatti spiegati qui sopra, decisi di fare un giretto nella blogsfera. Scoprii cos’è veramente il mondo blog, ed ebbi la fortuna di conoscere una brava ragazza. Siamo rapidamente diventati amici, ci siamo perfino incontrati (sta a 120 km da qui) e anche se ora non la sento più così spesso le voglio molto bene. Mi ha dato tanto affetto (forse troppo), ed è merito suo se il primo agosto è nato questo blog, che ha rapidamente sostituito il precedente (che ho cancellato in settembre). Ora questa ragazza è in ansia per la salute di suo padre. Il mio primo pensiero per il 2008 va a lei e a suo papà, coi miei migliori auguri di pronta guarigione. Anche perché devo ancora assaggiare i suoi pizzocheri… 😉

Quest’anno ricorreva anche il decimo anniversario della scomparsa di una persona speciale, unica, buona come il pane ma allo stesso tempo molto realista. Sveglia, determinata, a volte fin troppo. Ma soprattutto un’amica sincera, una donna con la quale avrei voluto condividere tanti anni ancora della mia vita. E che resterà comunque nel mio cuore. Ciao, Silvia!
Come comincerò il 2008? Con una promessa da mantenere: smettere di fumare. Negli ultimi 2 mesi ho limitato il consumo di sigarette, passando dal canonico pacchetto a una o due sigarette al giorno (quando fumo). Il merito di questa mia scelta va ad una carissima amica, una ragazza meravigliosa che vive a 100 km da qui e che sono andato a trovare giusto un paio di mesi fa. Siccome lei non fuma ho passato la giornata senza fumare, eccetto una dopo il caffè. Questa eccezione ha provocato in me una reazione di rabbia nei miei stessi confronti per aver ceduto dopo che mi ero prefissato di astenermi, e ho deciso che questa cosa non deve più ripetersi. La prossima volta che andrò a trovarla sarò perciò sicuro che dopo il caffè non fumerò alcuna sigaretta, né tantomeno prima. Sarà forse uno sforzo notevole, ma per lei lo farò volentieri… 😉

Arrivederci a tutti nel 2008. Vi auguro di cominciarlo nel migliore dei modi!