Anni 80… Oppure no?

Tempo fa, entrando in un’edicola, sentii della musica di sottofondo in perfetto stile anni 80 (Italo Disco). Chiesi all’edicolante che radio stesse ascoltando, e per tutta risposta mi mostrò un cd: l’artista si chiamava Anosphere. Nome curioso direi, ma decisi di indagare. E scoprii che questo tizio non solo è tutt’ora in attività, ma che i suoi dischi sono stati prodotti tutti dopo il 2000! L’ultimo a quanto pare è uscito in agosto, quindi la prima volta che vado in centro a Milano vedo se lo trovo. Intanto vi lascio ascoltare una sua composizione (che dà il nome all’ultimo album)…

Scegli me

Speriamo che sia di buon auspicio…

Provo a tornare

Devo ammetterlo: questo blog mi manca. Del resto, con la scusa che il mondo intero si è spostato su Facebook, anche la mia attenzione s’è spostata verso il più famoso social network. Ma come avrete notato (o noterete ora) non ho mai chiuso il mio piccolo blog, che ha avuto il grande merito di cambiarmi positivamente l’esistenza.

Stasera il Brescia si gioca la serie A col Torino, ed io sono già alquanto nervoso. Così, mentre la Lady ancora dorme, io sono già in piedi da oltre due ore. Dopo aver ascoltato un po’ di musica ho deciso di postare questo video, il cui titolo spero possa essere d’auspicio per la mia squadra del cuore. Nei prossimi giorni comunque chissà, magari mi rivedrete più spesso qui…

Never let me down again

Un po’ di musica non fa mai male. E poiché sono secoli che non pubblico un video musicale, e visto che sono reduce da due concerti in 5 giorni, vi propongo un video estratto dal dvd “Touring the Angel” dei Depeche Mode, registrato al Forum di Assago nel 2006. Per la cronaca, io ero uno dei tanti spettatori, e non è escluso che si riesca pure a intravvedermi (ma io non ci sono ancora riuscito)…

Venti9 e non sentirli…

Eh sì, una volta all’anno capita anche a me: oggi invecchio! Il 14 novembre di 29 anni fa venivo al mondo. Per l’occasione vi regalo questo video, che riscuoteva un notevole successo giusto 10 anni fa…

Vasco live 2008 – Atto secondo

Dopo il concerto di San Siro del 6 giugno scorso, sabato ho concesso il bis stagionale per quanto riguarda i concerti di Vasco. Questa volta la meta era un attimino più lontana: Torino, stadio Delle Alpi. Un impianto mastodontico stupendo per l’atletica, un po’ meno per il calcio vista l’eccessiva distanza degli spalti dal campo. E per i concerti?

Il palco, sistemato sotto la curva sud (già curva Scirea dei tifosi juventini), era alto poco meno delle tettoie a copertura degli spalti, dominando la scena di fronte ai nostri occhi. Occhi che per oltre un’ora hanno avuto il fastidio del sole, proprio di fronte a noi; quando è tramontato però le nostre pupille hanno sì trovato sollievo, ma la temperatura è scesa di alcuni gradi in pochi minuti. Tutto sommato però è stata una serata mite, almeno in confronto ai (pessimi) giorni precedenti.

L’attesa s’è fatta più snervante col passare dei minuti, finché, alle 21.05, si sono spente le luci in un boato da brivido, lasciando davanti a noi uno scenario da pelle d’oca. Dopo pochi istanti è partita la musica, accompagnata per 2 ore e mezza da un fantastico gioco di luci e di colori che fanno dei concerti di Vasco uno spettacolo nello spettacolo. La cara amica che mi ha accompagnato (e che saluto), al primo concerto della sua vita, è rimasta affascinata e deliziata da questo show, promettendo di non mancare al prossimo appuntamento. Magari a San Siro…

Vi lascio un paio di istantanee, giusto per gradire…

Ciao Richard

All’età di 65 anni è scomparso oggi Richard Wright, storico tastierista dei Pink Floyd. Lo voglio ricordare così.