Vasco live 2008 – Atto secondo

Dopo il concerto di San Siro del 6 giugno scorso, sabato ho concesso il bis stagionale per quanto riguarda i concerti di Vasco. Questa volta la meta era un attimino più lontana: Torino, stadio Delle Alpi. Un impianto mastodontico stupendo per l’atletica, un po’ meno per il calcio vista l’eccessiva distanza degli spalti dal campo. E per i concerti?

Il palco, sistemato sotto la curva sud (già curva Scirea dei tifosi juventini), era alto poco meno delle tettoie a copertura degli spalti, dominando la scena di fronte ai nostri occhi. Occhi che per oltre un’ora hanno avuto il fastidio del sole, proprio di fronte a noi; quando è tramontato però le nostre pupille hanno sì trovato sollievo, ma la temperatura è scesa di alcuni gradi in pochi minuti. Tutto sommato però è stata una serata mite, almeno in confronto ai (pessimi) giorni precedenti.

L’attesa s’è fatta più snervante col passare dei minuti, finché, alle 21.05, si sono spente le luci in un boato da brivido, lasciando davanti a noi uno scenario da pelle d’oca. Dopo pochi istanti è partita la musica, accompagnata per 2 ore e mezza da un fantastico gioco di luci e di colori che fanno dei concerti di Vasco uno spettacolo nello spettacolo. La cara amica che mi ha accompagnato (e che saluto), al primo concerto della sua vita, è rimasta affascinata e deliziata da questo show, promettendo di non mancare al prossimo appuntamento. Magari a San Siro…

Vi lascio un paio di istantanee, giusto per gradire…